Senza categoria

Recensione – Il principe della nebbia di Carlos Ruiz Zafon

Buongiorno Readers!

Oggi vi vorrei parlare non solo di un libro, ma anche di un’applicazione per il telefono e di un’esperienza. L’applicazione é Storytel e l’esperienza (assolutamente nuova per quanto mi riguarda) è stata farmi leggere il romanzo dall’applicazione o più precisamente in questo caso da Valerio Amoruso, durante i miei tragitti in macchina, che a causa del mio lavoro non sono poi così pochi. Curiosi?

TRAMA

Corre l’anno 1943; nella casa in cui si è trasferita la famiglia Carver per sfuggire alla guerra, in un piccolo paesino sulle sponde dell’Atlantico, è avvenuta la morte accidentale dei precedenti inquilini. Accidentale? Il figlio dei Carver, Max, avverte una presenza minacciosa: le sue ricerche lo porteranno sino al “Principe della nebbia”, figura diabolica e ipnotica: ora sinistro pagliaccio, ora serpente marino, ora impalpabile figura di nebbia che aleggia nei vicolo oscuri del paese. Un clima di inquietudine e di mistero avvolge il protagonista e il lettore.’

RECENSIONE

Come vi dicevo nell’introduzione Il principe della nebbia di Carlos Ruiz Zafon, è stata per me un’esperienza nuova. Si tratta per la prima volta di un romanzo che non ho letto ma che ho ascoltato.

Non avrei mai immaginato che questa possibilità mi sarebbe piaciuta così tanto. Macinando i km in autostrada, andando o tornando da lavoro, Valerio Amoruso, il lettore, mi ha tenuta compagnia, raccontandomi una storia.

Passiamo quindi alla recensione effettiva del romanzo.

“Il Principe della Nebbia gli aveva rubato il migliore amico dell’infanzia, l’unica donna che avesse mai amato, e alla fine rubò ogni minuto della sua lunga maturità e ne fece la sua ombra.”

E’ la prima volta che affronto un libro di Carlos Ruiz Zafon e devo dire che l’autore offre ai propri lettori una storia misteriosa e raccontata molto bene.

Tutto inizia quando la famiglia del giovane Max si trasferisce in una piccola città di mare nel tentativo di sfuggire a una chiamata per la prossima Guerra. Tuttavia, altre guerre nascoste arriveranno e potrebbero essere ancora più pericolose per questa famiglia …

Questo drastico cambiamento non è per i gusti di Max, ma quando scopre un giardino di statue dietro la sua nuova casa, sente che nel paesino è presente un grande mistero. E inizia così la sua ricerca fino a quando tutto diventa più intenso quando si scopre cosa c’è dietro l’intera storia dei vecchi proprietari della casa.

Cercando di integrarsi con la popolazione locale, Max e sua sorella maggiore incontreranno il giovane Roland che aumenta ulteriormente il mistero del libro, perché è attraverso questo personaggio che apparirà il Principe della Nebbia.

Sebbene sia un libro rivolto al pubblico più giovane, mi è piaciuta la narrativa semplice, fluida e interessante che trasporta i lettori più giovani in un mondo di avventure, primi amori, sogni di navi abbandonate e tesori nascosti.

Credo sia un libro perfetto per i ragazzi a partire dai 12/13 anni (ma adatto anche agli adulti) e sperando che la mia bimba, quando crescerà, abbia la mia stessa passione per la lettura della madre, glielo consiglierò sicuramente.

Un pensiero riguardo “Recensione – Il principe della nebbia di Carlos Ruiz Zafon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...